CORSO OPERATORI DI CARRELLI ELEVATORI CON BRACCIO TELESCOPICO ROTATIVO

( NELLE SUE FUNZIONI)

 

I corsi sono rivolti a coloro che all’interno dell’organizzazione aziendale utilizzano, anche saltuariamente, il carrello elevatore telescopico rotativo per la movimentazione di cose e persone.


Il 22 Febbraio 2012 è stato approvato un Accordo Stato-Regioni (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n°60 del 12 Marzo 2012) che disciplina modalità e criteri di formazione per chi utilizza carrelli elevatori. E’ stato stabilito che tutti i corsi effettuati prima del 12 Marzo 2013 (data di entrata in vigore dell’Accordo), anche se difformi da quanto indicato, sono ritenuti validi; tali corsi andranno però obbligatoriamente integrati con 4 ore entro il 12 Marzo 2015. Dalla data di questa formazione scatterà poi l’obbligo delle 4 ore di aggiornamento quinquennale.

SPECIFICHE MEZZO:

(Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009 artt. art. 73 comma 4 - Accordo Stato Regioni 22/02/2012)

Durata: 16 ore (8+8).


Attrezzature semoventi dotate di uno o più bracci telescopici su torretta girevole utilizzate per movimentare carichi ed azionate da un operatore a bordo su sedile.”

 

Allegato VI

Requisiti minimi dei corsi di formazione teorico-pratici per lavoratori addetti alla conduzione di carrelli elevatori telescopici rotativi (16 ore)

1.0. Fermi restando gli obblighi di formazione ed addestramento specifici previsti dall’articolo 73, comma 4 del D.Lgs. n, 81/2008, l’utilizzo di carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo aventi caratteristiche diverse da quelle esplicitamente considerate nei presente allegato, richiede il possesso, da parte dell’operatore, di almeno una delle abilitazioni di cui al presente allegato.


Esempi di carrelli elevatori Telescopici Rotativi:

PROGETTO 2

Il progetto è strutturato come corso che contempla una docenza teorica e un modulo pratico per carrelli semoventi a braccio telescopico con le varie attrezzature


Modulo giuridico - normativo (1 ora)

  1. Riferimenti legislativi (filmato)

  2. Riferimenti legislativi

  3. Obblighi, Doveri, Sanzioni

  4. Obblighi dei costruttori di macchine

  5. Obblighi, doveri e sanzioni del datore di lavoro e preposti

  6. Obblighi, doveri e sanzioni dei lavoratori

  7. Obbiettivi del corso

  8. Conoscenza delle norme sull’Igiene e la Sicurezza pertinenti.

  9. Conoscenza della prevenzione e del controllo degli incidenti.

  10. Conoscenza dei requisiti in materia di protezione personale.

  11. Capacità di manovrare macchine inerenti al corso con sicurezza e in maniera tale da utilizzarle

  12. correttamente e svolgere le operazioni necessarie in modo corretto e consono, nell’area di

  13. lavoro.

  14. Costi umani economici degli infortuni.

  15. Normativa italiana sulla sicurezza - POS DUVRI - 81/2008

  16. Parti del corpo soggette ad infortunio.

  17. L’andamento infortunistico dati INAL

  18. Perché succedono gli incidenti

  19. Regole per evitare gli incidenti

  20. Protezione individuale



Modulo tecnico (7 ore)


  1. Prepararsi all’utilizzo della macchina

  2. Controllo della documentazione obbligatoria sulla macchina (messa in servizio della macchina e registro di controllo)

  3. Definizione di elevatore telescopico (Tipo MERLO)

  4. Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti

  5. Targhette di identificazione (i pittogrammi)

  6. Adesivi di sicurezza

  7. Check list (controlli alla macchina)

  8. I vari tipi di trasmissione

  9. Tipo di frenatura (negativa o positiva)

  10. Pedale incing

  11. Ispezione della zona di lavoro

  12. Valutazione della consistenza del terreno

  13. Fossi tombini argini

  14. Piedi stabilizzatori

  15. Pressione massima esercitata al suolo

  16. Attenzione alle linee elettriche

  17. Massima velocità del vento

  18. Salire in macchina

  19. Identificazione della macchina

  20. Sedile e cinture

  21. Spie e interruttori macchina

  22. Stabilità e portate

  23. Tabelle di carico (diagrammi di portata)

  24. Manovrare ed operare con la macchina in sicurezza

  25. Le macchine del corso sono…

  26. Identificazione del tipo di cantiere (Edile, Galleria, Stradale, Agricolo, altro)

  27. Attrezzature optional

Alcuni tipi di attrezzature optional

NELLA FUNZIONE DI GRU


Argano Braccetto con gancio Gancio Prolunga a traliccio con argano





NELLA FUNZIONE DI SOLLEVAMENTO COSE


Forche Cestello portamateriale Siviera Pinza posacentine


Benna 4 in 1 Benna da scavo Benna per materiali leggeri Benna miscelatrice

Funzione di PLE

Braccetto positivo Cestello estensibile Cestello con verricello

Posacentine con cestelli da galleria (cestelli da galleria)


  1. Carrello elevatore nella funzione di sollevamento persone (PLE)

  2. Le cinture di sicurezza (DPI) su piattaforma aerea

  3. Carrello elevatore nella funzione di sollevamento cose e movimento terra

  4. Carrello elevatore nella funzione di gru

  5. Come imbragare un carico

  6. Altre attrezzature optional


Modulo pratico (8 ore)

  1. Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze.

  2. Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello.

  3. Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.)

    1. Prove pratiche nelle varie funzioni (forche, piattaforma aerea, gru)




4. Valutazione

4.1. Ai termine dei due moduli teorici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli teorici) si svolgerà una prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla. Il superamento della prova, che si intende superata con almeno il 70% delle risposte esatte, consentirà il passaggio ai moduli pratici specifici. Il mancato superamento della prova comporta la ripetizione dei due moduli.

4.2. Al termine di ognuno dei moduli pratici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli pratici) avrà luogo una prova pratica di verifica finale, consistente nell’esecuzione di almeno 2 delle prove di cui ai punti: 3.1.2 e 3.1.3 per i carrelli industriali semoventi, 3.2.2 e 3.2.3 per i carrelli semoventi a braccio telescopico e 3.3.2 e 3.3.3 per i carrelli elevatori telescopici rotativi, 3.4.2 e 3.4.3 per i carrelli di cui al punto 3.4..

4.3. Tutte le prove pratiche per ciascuno dei moduli 3.1, 3.2, 3.3 e 3.4 devono essere superate.

4.4. Il mancato superamento della prova di verifica finale comporta l’obbligo di ripetere il modulo pratico.

4.5. L’esito positivo delle prove di verifica intermedia e finale, unitamente a una presenza pari ad almeno il 90% del monte ore, consente il rilascio, al termine del percorso formativo, dell’attestato di abilitazione.



6. Durata della validità dell’abilitazione ed aggiornamento


6.1. L'abilitazione deve essere rinnovata entro 5 anni dalla data di rilascio dell’attestato di abilitazione di cui al punto 5.2, previa verifica della partecipazione a corso di aggiornamento.
6.2. Il CORSO DI AGGIORNAMENTO di cui al punto 6.1 ha durata minima di 4 ore, di cui almeno 3 ore sono relative agli argomenti dei moduli pratici, di cui agli allegati III e seguenti.


9. Riconoscimento della formazione pregressa
9.1. Alla data di entrata in vigore del presente accordo sono riconosciuti i corsi già effettuati che, per ciascuna tipologia di attrezzatura, soddisfino i seguenti requisiti:
a) corsi di formazione della durata complessiva non inferiore a quella prevista dagli allegati, composti di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dell’apprendimento;
b) corsi, composti di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dell’apprendimento, di durata complessiva inferiore a quella prevista dagli allegati a condizione che gli stessi siano integrati tramite il modulo di aggiornamento di cui al punto 6, entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente accordo;
c) corsi di qualsiasi durata non completati da verifica finale di apprendimento a condizione che entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente accordo siano integrati tramite il modulo di aggiornamento di cui al punto 6 e verifica finale dell’apprendimento.
9.2. Gli attestati dì abilitazione conseguenti ai corsi di cui al punto 9.1 hanno validità di 5 anni a decorrere rispettivamente dalla data di attestazione di superamento della verifica finale di apprendimento per quelli di cui alla lettera a), dalia data di aggiornamento per quelli di cui alla lettera b) e dalla data di attestazione di superamento della verifica finale di apprendimento per quelli di cui alla lettera c).
9.3. Al fine del riconoscimento del corso effettuato prima dell’entrata in vigore del presente accordo, questo deve essere documentato tramite registro del corso recante: elenco dei partecipanti (con firme), nominativi e firme dei docenti, contenuti, ora di inizio e fine, esiti della valutazione teorica e dell’esercitazione pratica. La documentazione deve essere conservata per almeno 10 anni dalla data di conclusione del corso, il partecipante al corso deve essere in possesso di attestato di partecipazione.
9.4. I lavoratori del settore agricolo che alla data di entrata in vigore del presente accordo sono in possesso di esperienza documentata almeno pari à 2 anni sono soggetti ai corso di aggiornamento di cui al punto 6 da effettuarsi entro 5 anni dalla data di pubblicazione del medesimo accordo.